DETTAGLIO NEWS

ARTE CONTEMPORANEA... QUESTA SCONOSCIUTA VISITA/ LEZIONE 27/10/2018
Sono ancora troppi i pregiudizi verso l'arte cosiddetta "contemporanea", un'arte spesso ritenuta incomprensibile o incapace di suscitare emozioni. Ma cos'e'¨ l'arte contemporanea?
per rispondere a questa domanda bisogna prima chiedersi cosa sia l'arte e soprattutto a cosa serva.
Tralasciando l'annoso dibattito che da sempre interessa critici e storici, c'e'¨ una considerazione da cui non si puo' prescindere e cioe'¨ che l'arte sia comunicazione. in tutte le epoche in cui e' stata prodotta, ha sempre lasciato un messaggio. Che emozioni oppure no, che la si trovi gradevole o meno, l'opera d'arte ci dice qualcosa.

Soprattutto ci fornisce informazioni sul periodo storico, politico, sociale in cui e' stata prodotta.
Le opere vanno sempre contestualizzate e diventano uno strumento di conoscenza straordinario. L'arte e' soprattutto questo: CONOSCENZA. Escludere dal nostro interesse l'arte contemporanea vuol dire ignorare un secolo e mezzo di storia e cultura. Dalla seconda meta'  dell'Ottocento, fino ai giorni nostri, i movimenti artistici che si sono susseguiti sono strettamente legati al contesto storico e sociale che li ha prodotti.

C'e'¨ un luogo a Roma dove e'¨ possibile ammirare opere dei artisti straordinari, dal Neoclassicismo all'Impressionismo, passando per le avanguardie, fino alla pop art e alla Transavanguardia: la Galleria Nazionale. Ideata nel 1883 con lo scopo specifico di riunire le opere moderne di interesse nazionale, nell'ambito dei progetti volti a promuovere l'unita'  nazionale culturale, E' un vero e proprio scrigno di tesori.

Avendo di recente cambiato l'allestimento, sovvertendo l'idea stessa della funzione museale, la Galleria ci offre un altro interessante spunto di riflessione: come deve essere vista l'arte contemporanea? E' valida questa nuova idea per cui opere distanti tra loro per periodo e stile, siano accostate in un dialogo, che secondo gli allestitori vale aldila' del tempo?
Lo scopriremo entrando...
Ne vedremo delle belle!
A.P

back